notte densa

settembre 15, 2009

sai, quello che a volte fa più male è sapere che non leggerai
che resteranno solo parole in aria appese a quel filo che è il destino
che si tende fino a strozzarci con le nostre stesse parole
per poi liberarci abbracciati insieme mentre tutti e due pensiamo alle nostre vite
così morbide e vellutate che a volte le spalmiamo come panna montata per terra.
calpestandole. succhiandole.
non so cosa sia accaduto, sai bene che la rabbia la scordo in fretta.
ricordo solo che l’aria era pesante, indelicata, indecisa, insana.
Ho apprezzato le cose che mi hai detto.tutte le volte che ti sei voltato e hai vissuto senza di me.
le federe macchiate e gli occhi sporchi di sonno. la buonanotte e non dormivi e ti voltavi e mi guardavi.le volte che abbiamo cantato insieme e tu non sapevi le parole.
se avessi visto cadere tutto probabilmente mi sarei fermata a raccogliere pezzo per pezzo.
ma è ormai mia abitudine perdere persone, idee, chiavi di casa.
e tu hai perso la voglia di essere qualcuno, qualsiasi, qualunque persona
e,
in ogni fottuta circostanza,

di amarmi comunque.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: