quattro mani e due sorrisi

dicembre 18, 2008

è il 18 dicembre.
la neve è caduta troppo presto, pensaci, ormai accade tutto troppo presto.
in casa mia non ci sono ancora regali sotto l’albero, e il presepe, credo se lo siano dimenticato. è meglio che domani lo ricordi.
dimmi, hai voglia del natale?. non lasciamocelo scappare, almeno lui, sento che si sta sciogliendo ogni cosa, come un soldatino di piombo nel camino.

apri il libro della follia, non avrai mai visto nulla di simile, e non dimenticare di respirare mentre sfogli le pagine tra le luci intermittenti e la radio che ripete la stessa canzone ogni dicembre. Potrebbe cambiare il tuo modo di pensare, non ci sono ballerine nè diamanti qui. prendete posto, gente, inizia lo spettacolo di una rock star avvinghiata alla vita come alle corde della chitarra. guardatela scappare dalla notte prima che inizi a bruciare sulla schiena.

è una fuga che sa di voglia d’affetto. perchè in fondo, guardiamoci, noi esseri umani tutti presi dalle inezie, ci accalchiamo a vivere l’uno sopra l’altro, ci arrabbiamo l’uno con l’altro, giuriamo odio salvo poi piangere lacrime salate.
perdiamo noi stessi rinchiusi dentro mura o sul catrame che rimane sempre dello stesso colore, per quanto ogni anno ci sforziamo di illuminare a festa questo circo chiamato città.
d’inverno non c’è calore no. e allora non resta che stringersi tutti, piccoli e grandi, lasciando da parte i rancori dei freddi, ridere più che possiamo, per qualche giorno, auguri, regali, candele, profumi. scambi d’affetto per bisognosi cronici.

la parte più bella però avviene dopo lo spettacolo: ho sentito dire che la notte è tutta magia e io non voglio che finisca perchè all’alba saremo soli,  così soli. succhio l’ultimo quarto d’ora di festa mentre la tavola si esaurisce e il gelo ghiaccia le strade. porta via il vino. mi sento come il piacere gridato tra le cosce, mi sento come all’uscita del tempio della carne. posso prendere un altro biglietto? quando finisce la festa il mondo è nelle tue mani, non è rimasto nessuno che possa cammuffare le tue cicatrici- bisogna affrontare il mattino, e se c’è da piangere lo si fa nella brezza, would you stay by my side?

M.V.

Una Risposta to “quattro mani e due sorrisi”

  1. FLAVIO said

    le tue parole si leggono come burro.
    sei bravissima.

    Ti lascio il mio blog intanto.
    http://chincaglie.splinder.com

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: