ti condurrò fuori dalla notte

dicembre 17, 2008

di nuovo notte

e sei solo, sì,

solo ma padrone del tuo mondo- ti basta?

e ci puoi sguazzare quanto vuoi

“qui c’è il tuo diario, qui il trenino, qui la scuola che comincerai il prossimo autunno”

-dicevano-

e ti puoi aggrappare alle abitudini, alla sveglia alle 7 ogni mattina, al caffé caldo che trascini in giro per la casa con gli occhi stanchi, sbattendo sui muri

OPPURE

puoi far scivolare la tua aureola dalla testa giù. nella melma dell’asfalto. senza avere interesse a raccoglierla. puoi sentirti vivo in ogni tuo sbaglio scivolando nel fango gelido puoi fare del cielo un punto, e non lo vedi più. con il solo fottuto rimpianto di non aver amato abbastanza, non come nei sogni.

soffici occhi elevano ponti eludendo le distanze tra noi, mi senti? ti sussurro nell’orecchio, ci sono io, amore. ti condurrò fuori dalla notte.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: